Liceo "Carlo Rinaldini" Ancona - Home Page - Login

All posts in Eccellenze

Grande soddisfazione per gli eccellenti risultati conseguiti dai nostri allievi neo diplomati del Liceo Musicale! Chi ha deciso di proseguire con la formazione musicale ha scelto Istituti prestigiosi italiani e stranieri, e agli esami d’ammissione tutti si sono posizionati tra i primissimi posti, in particolare: Alice Mugneco (canto) al Conservatorio G. Verdi- Milano, Cristian Latini (pianoforte) al Conservatorio L. Cherubini –  Firenze, Michele Morici (chitarra jazz) al Conservatorio G.Rossini – Pesaro, Elena Tittarelli  (flauto) al Conservatorio A. Casella – l’Aquila, Leonardo Mengarelli (percussioni) al Conservatorio B. Maderna- Cesena. Quest’ultimo, insieme a Matteo Marabini è già stato selezionato per partecipare all’Orchestra Cherubini del maestro Riccardo Muti.

Segnaliamo con orgoglio anche Alessandro Nitti (percussioni), che è risultato vincitore di un’ambita borsa di studio che lo porterà a proseguire gli studi oltreoceano alla Berklee College of Music di Boston.

Da sottolineare, inoltre, l’eccellenza del nostro carissimo Leonardo Sestilli, cantante e sassofonista, che, con grande soddisfazione di tutti i suoi docenti, è entrato al Conservatorio di Pesaro con una particolare segnalazione di merito da parte del Conservatorio stesso.

Congratulazioni a tutti!

I ragazzi del nostro Istituto impegnati nel Progetto EEE parteciperanno con il Centro Fermi  all’International Cosmic Day (30 Novembre 2017), una iniziativa organizzata dal centro di ricerca Desy  in  collaborazione con vari enti di ricerca internazionali per promuovere nelle scuole di tutto il mondo lo studio dei raggi cosmici. Gli alunni, sotto la guida di uno dei ricercatori EEE, saranno impegnati in un’esercitazione, i cui risultati verranno diffusi in videoconferenza a tutti i gruppi internazionali partecipanti.

Per maggiori informazioni sull’evento, si rimanda alla pagina ufficiale.

Gli studenti del Liceo Classico hanno vissuto nei giorni scorsi allo Sperimentale una mattinata emozionante e formativa. La consegna del Premio alla memoria del professor Adriano Bacchielli, illustre studioso urbinate, che fu insegnante di latino ad Ancona, è stata preceduta dalla magistrale conferenza del professor Ivano Dionigi, docente di Letteratura Latina all’Università di Bologna. Il filologo pesarese ha magnetizzato i giovani, proponendo il latino come chiave d’accesso al futuro. Con citazioni acute e retorica venata di humour e a tratti di polemica non scontata nei confronti del malcostume dilagante, Dionigi in un’ora ha rivelato ai ragazzi un mondo di valori, il dovere dell’impegno e della conoscenza. E al termine, dopo il ricordo commosso del nonno, Francesca Levy Bacchielli ha consegnato il primo premio allo studente Lorenzo Monaco  della classe V Bt.

Un buono sconto offerto dalla libreria Feltrinelli è stato consegnato a tutti i partecipanti al certamen: Carletti Alessandro, Cucculelli Elena, Grandi Edoardo, Marcelli Elena, Mastri Giorgia, Mondella Irene, Sciulli Aura, Veccia Vittorio, Veroli Valentina e Zoccari Sofia della V Am; Monaco Lorenzo (V Bt); Coacci Sara, Falasconi Eleonora, Giacconi Ludovica e Mazza Carlo (V Cm).

Elena Moscara, il cui percorso scolastico di eccellenza si è concluso con il massimo dei voti e la lode, è tra i  dieci allievi che ogni anno vengono ammessi, solo sulla base del merito, alla Scuola di Studi Superiori ‘Giacomo Leopardi’, una scuola in cui, per mantenere lo status di allievo, si richiede un elevato standard di rendimento nei corsi universitari e nei corsi interni.

La Scuola di Studi Superiori ‘Giacomo Leopardi’, istituita dall’Università degli Studi di Macerata con il contributo rilevante della Fondazione Carima, nasce nel 2008 per  individuare e coltivare il talento e le qualità dei migliori neo-diplomati delle scuole superiori.

La Scuola, unica nel suo genere nella realtà universitaria marchigiana, vuol essere un luogo di alta qualificazione della formazione e della ricerca.

E’ un istituto universitario di studi superiori che si affianca ai corsi universitari diretti al conseguimento del diploma di Laurea e di Laurea Magistrale, con il compito di organizzare seminari avanzati di carattere innovativo ed interdisciplinare, al fine di favorire la più elevata e qualificata preparazione degli studenti e avviarli a specifiche attività di ricerca.

L’alunna all’esame di ammissione ha scelto come materia della seconda prova scritta ed orale Latino.

Ci congratuliamo con Elena, che ha conseguito questo  brillante risultato, augurandole di raggiungere i più alti traguardi e con tutti gli insegnanti che l’hanno accompagnata e guidata nel suo percorso formativo.

 

Per aspera ad sidera

 

Una bella esperienza di conoscenza, quella che hanno potuto fare cinque studenti del nostro Liceo Rinaldini di Ancona. Sono i vincitori del primo premio “Dal Manifesto di Ventotene all’Europa di oggi”, bandito dall’Associazione Rinaldiniani, consistente in un viaggio di due giorni nell’isola delle Ponziane che fu luogo di confino di tanti oppositori del regime fascista, da Altiero Spinelli a Sandro Pertini. E qui Spinelli ha stilato, tra il 1941 e il 1944, con Ernesto Rossi ed Ursula Hirschmann, il Manifesto per “un’Europa libera e unita”.

Dopo una visita alle rovine di Villa Giulia, Radwan Bahri, Ludmila Berghii, Caterina Coltrinari, Federico Gardini e Francesco Petreni della classe IV P, accompagnati dalla presidente dei Rinaldiniani Giulietta Breccia e dal professor Marco Orsetti, sono stati ricevuti dal vicesindaco di Ventotene Modesto Sportiello.

Complimenti alla nostra docente di matematica e Fisica, Prof.ssa Elvira D’Orsi, che è stata selezionata per partecipare presso il CERN al corso di 2° livello ITP ACADEMY dedicato agli insegnanti italiani. Un pregevole riconoscimento per la preparazione e la professionalità della nostra docente, che ha avuto, tra l’altro, l’onore di assistere all’importante conferenza del prof. Ugo Amaldi, con lei nella foto.

Sulla rivista “”STORIA E PROBLEMI CONTEMPORANEI”, n°73 del 2016, è pubblicata una recensione curata da Maria Laura Bartolucci, alunna della VA del Liceo Classico, classe che ha realizzato il progetto “Storie e memorie del ‘900 “. Il progetto ha previsto sia la presentazione, nel Giorno della memoria, del libro “In silenzio. Da Firenze alla strage di Treuenbrietzen. Una storia vera.” di Mario Cristiani, edito da Giunti, ad alcune classi dell’Istituto da parte della classe, sia la pubblicazione della recensione curata da M. Laura Bartolucci sulla rivista «Storia e problemi contemporanei» FrancoAngeli editore. La rivista è lo strumento periodico di ricerca dell’Istituto Storia Marche e, al pari di altri periodici della rete degli Istituti di Storia contemporanea e della Resistenza in Italia, ha coperto (e copre) uno spazio importante nell’ambito della storiografia nazionale, riscuotendo consensi sul piano culturale. La rivista accoglie interventi di studiosi di fama nazionale ed europea che si accompagnano ai risultati delle ricerche di giovani formatisi presso l’Istituto o presso le università marchigiane o dell’Italia centrale. I contributi sottoposti alla redazione vengono valutati da esperti interni ed esterni alla rivista. La recensione della nostra scrittrice in erba è stata valutata dalla redazione, che ha ritenuto di poterla inserire all’interno della rivista per l’analisi profonda della vicenda umana vissuta dal protagonista, le ottime conoscenze specifiche del quadro storico di riferimento, l’ottima scrittura e la capacità di coinvolgere i lettori: insomma l’ha ritenuta un’ottima recensione. 

Complimenti, M. Laura! Ti auguriamo un futuro radioso fatto di parole, storie e desideri letterari realizzati.

I giorni 29, 30 e 31 maggio gli alunni della 4^Cm Roberto Duca e Ludovica Giacconi si sono recati presso la città siciliana di Erice, accompagnati dalla loro docente di matematica e fisica prof.ssa Schiavoni, per assistere alla 7^ Conferenza del Progetto E.E.E., organizzata dal Centro Fermi di Roma in collaborazione con il CERN di Ginevra. Argomento oggetto dell’incontro è stato lo studio dei muoni, particelle molto veloci che si generano dall’impatto dei raggi cosmici con gli strati superiori dell’atmosfera. I muoni, in genere, possiedono una velocità che si avvicina a quella della luce (300.000 km/s): essi decadono dopo circa 2,2 microsecondi e per questo si disintegrerebbero dopo aver percorso una distanza di 600 m, non arrivando mai sulla superficie terrestre; tuttavia vari esperimenti dimostrano che la Terra è colpita continuamente da queste particelle e tale evento è possibile grazie alla concezione relativistica della dilatazione del tempo.

In questo incontro, le diverse scuole d’Italia che hanno aderito all’iniziativa hanno avuto l’occasione di presentare la situazione dei telescopi installati nelle varie regioni per il rilevamento dei muoni, approfondendo anche vari fenomeni collegati direttamente all’osservazione del fascio delle particelle.

Inoltre famosi esponenti del progetto hanno condotto numerose Masterclass, lezioni su varie questioni riguardanti le misurazioni con il telescopio, l’osservazione di eventi rari e la valutazione della significatività statistica, seguite da esercitazioni che hanno coinvolto direttamente gli studenti.

Il convegno ha rappresentato uno stimolante momento di confronto fra ragazzi e professori accomunati dal grande interesse per la materia.